Cosa dicono i nostri clienti

Bóboli inzia l’anno col piede giusto

Stando ai risultati del 2015 ottenuti da Bóboli, marca di abbigliamento infantile, il brand continua con il vento in poppa. Superando il traguardo di 30 milioni di euro, Bóboli ha raggiunto i suoi obbiettivi. Per questo motivo, entrando nel 2016 con ottimi risultati alle spalle, il nuovo obbiettivo riguarda l’aumento del numero di punti vendita e il consolidamento del mercato internazionale. In piú, nell’anno nuovo, Bóboli debutta nel settore travel retail aprendo nell’areoporto di Barcellona.

Oggi l’impresa retailer catalana opera in Spagna con un totale di 55 negozi: 25 punti vendita propri, corner shop in grandi superifici commerciali come il Corte Inglés e altri punti vendita multi marca.

Concretamente, Bóboli pretende di rinforzare la sua catena con 10 nuove aperture (negozi propri e franchising) e a livello internazionale vuole passare dal 40% al 50% del fatturato in breve-medio termine. I suoi obbiettivi si concetrano in Europa, in paesi quali Germania ed Italia dove giá ha installato dei punti vendita, cosí come in stati piú all’est del continente. In aggiunta, Bóboli vuole rafforzare la sua presenza in Messico, dove si intalló durante l’anno passato ed ambisce al raggiungimento del mercato Cinese.

Bóboli é un’impresa famigliare che nacque nel 1981 e che aprí il primo punto vendita a Barcellona nel 1984. Recentemente (nel 2014) l’azienda ha completato il ricambio generazionale e ora conta quasi 200 lavoratori, la maggior parte di cui sono impiegati nei punti vendita.

Da un paio d’anni Bóboli inizió ad incorporare dei sistemi Retail Intelligence nella maggior parte dei negozi (propri e franchising). Mónica Algàs, la direttrice generale di Bóboli, afferma “con il sistema TC Analytics abbiamo potuto identificare il numero di clienti que lasciano il negozio senza comprare e di che punto vendita stimao parlando; in questo modo possiamo concentrare i nostri sforzi in quei punti vendita che necessitano maggior attenzione da parte di un’equip professionale”.

Fonte: modaes.es

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *