Ambiente di vendita

I cambiamenti nel retail

Negli ultimi anni, i punti vendita online si sono convertiti nel canale principale di vendita delle imprese, riportando risultati migliori rispetto agli esercizi fisici tradizionali.
Allo stesso modo, i consumatori si adattano a questo nuovo modo di comprare e cambiano il loro comportamento. Non importa piú infatti se il punto vendita é lontano o chiuso, grazie alla rete é possibile procedere all’acquisto ovunque ed a qualsiasi ora.

Ovviamente anche i negozi brick and mortar hanno subito dei cambiamenti e con gli anni cambieranno ancora. Non solo l’e-commerce ha avuto un forte impatto bensí anche alcune tendenze di marketing che modificano la relazione che il compratore ha con il punto vendita e la sua funzione.
I locali commerciali infatti si adattano all’audience giovanile che sono sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo ed originale. Per questo motivo i negozi stanno aggiungendo un tocco “hipster” al visual merchandising in modo da seguire questa voglia di novitá ed unicitá. Per esempio alcune grandi catene di supermercati Americani stanno introducendo prodotti da agricolura ed allevamento bio e sostenibile ovvero che rispettino l’ambiente, inoltre iniziano ad introdurre dispositivi portatili con il quale é possibile richiedere un un servizio personalizzato.

É perció possibile dire che il futuro del retail é strettamente connesso con i Millennials e la loro evoluzione, difatti tutte le migliorie ed i cambiamenti apportati dalle grandi catene nel settore della vendita al dettaglio sono pensato con i mente questa giovane generazione e con lo scopo di attrarle nel proprio negozio.

Un vero e proprio punto di domanda nell’industria del retail é la sempre piú influente realtá virtuale. Essa infatti non solo ha le potenzialitá di modificare il modo in cui verranno venduti i prodotti ma potrá anche avere un forte impatto su come le marche interagiscono con i loro clienti. Per esempio la catena Statunitense Lowe, di prodotti per la casa, ha installato uno strumento di virtual reality che permette di vedere il risultato ottenuto una volta applicati o posizionati i prodotti comprati.

In aggiunta, abbiamo parlato spesso del fatto che i consumatori oggigiorno sono sempre piú tech savvy ed abituati all’esperienza multicanale. Per questo motivo, essi danno per scontata la presenza delle piú avanzate tecnologie per il retail all’interno del punto vendita fisico in modo da poter rimanere interconnessi con il mondo social e virtuale anche durante l’esperienza di compra. Tra le ultime novitá, i negozi si stanno concentrando sulla personalizzazione, i camerini intelligence, la possibilitá di unire e-commerce e commercio fisico in un unico ambiente e applicazioni utilizzabili dal proprio telefono cellulare per facilitare e velocizzare la decisione e l’atto stesso del pagamento tramite mobile wallets come quelli introdotti per esempio da Microsoft ed Apple.

Ma all’interno di questo complesso ambiente dove differenziarsi é sempre piú importante quanto difficile, come possono i retailer avere dei vantaggi?

Si tratta semplicemente di venire a conoscenza del proprio target ed consumatore. Prima di tutto é importante sapere dove sono localizzati i propri clienti in modo tale da posizionare il punto vendita in un punto strategico che puó favorirne l’affluenza. In secondo luogo é utile venire a conoscenza del loro livello di interazione con le vetrine oppure all’interno del punto vendita tra gli scaffali e gli espositori. Per ultimo ma non meno importante é estremamente rilevante venire a conoscenza del livello di lealtá che ha un consumatore verso il negozio, ovvero quante volte visita il punto vendita, compra, etc. in modo tale da poter effettuare una coerente personalizzazione delle offerete e magari inviare discount online che é possibile usare solo nel punto fisico. Tutte queste informazione sono facilmente collezionabili grazie alle piú innovative tecnologie retail che offrono aziende quali TC Group Solutions, specializzate nel settore e con lo scopo di fornire ai retailer le armi adatte per succedere in un settore competitivo come la vendita al dettaglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *