Ambiente di vendita

Nuovi metodi di pagamento e come proteggere i dati del cliente

La digitalizzazione ha fatto si che anche il mondo del retail si avvantaggiasse di determinati tecnologie per velocizzare le vendite e migliorare le prestazioni.

Tra queste troviamo le tecnologie collegate al pagamento come i cosí detti mobile wallets o le carte di credito contact-less. Ma l’introduzione di questi sistemi é stata tutt’altro semplice.
Infatti, secondo lo studio realizzato dalla Federazione Nazionale per il Retail e Forrester dal titolo “The state of Retail Payments 2016“, dimostra che il metodo di pagamento tramite EMV (carte di credito munite di chip) necessita hardware specializzati in cassa. Nonostante ció l’86% dei retailer partecipanti all’analisi, ha dichiarato di essere pronto all’introduzione di questo metodo di pagamento tecnologico per la fine del 2016.

Oltre ad investire nelle tecnologie, i retailer stanno anche approfondendo in che modo potreggere i propri dati o prevenire frodi e mancanze nella sicurezza di questi sistemi. Infatti, come citato da Business Insider, nel 2014 i retailer che commisero frode furono caricati per 32 milioni di dollari.

Per questo motivo e per proteggere la sicurezza dei propri consumatori, i retailer oggigiorno pianificano l’applicazione di tre misure di sicurezza.

In primis, il 92% dei retailer intervistati affermano di star mettendo in pratica un sistema che permette di criptare i dati chiamato P2PE che permette di nascondere i dati della carta di credito dal momento in cui entra nel portale di pagamento, in modo tale da poterli crittografare ancora prima che siano inviati al provider. Questo sistema P2EP é disponibile sia per gli acquisti fisici che quelli online e protegge la carta di credito mentre si effettua la transazione tra il commerciante ed il processore, rendendo quasi impossibile per gli hacker riuscire a rubare dati utilizzabili della carta di credito.

La seconda e nuovissima opzione che il 61% dei retailer sta programmando per il 2017 é la Tokenizzazione multicanale. Si tratta di una tecnologia che permetterebbe di sostituire i dati sensibilil del cliente con simboli di identificazione in modo da occultarne la vera natura e renderli apparentemente illeggibili. In questo modo i dati possono essere trasferiti in modo sicuro in differenti punti vendita o sistemi e-commerce.

L’ultima possibilitá ed anche la piú innovativa é chiamata Comunicazione Near-Field (NFC). Si tratta della possibilitá di usare il proprio dispositivo mobile come se fosse una carta credito portando a termine il pagamento semplicemente avvicinando il telefono all’apposito dispositivo. Metá dei retailers intervistati giá usano questa tecnologia e un ulteriore 22% lo ha pianificato per il 2017.
Ma perché limitarsi ai telefoni? Durante le Olimpiadi di Rio di questo Agosto, Visa ha messo a disposizione di 45 atleti degli anelli che permetteva di usarli come dipositivo contact-less per pagare presso i 4.000 punti vendita forniti di NFC all’interno del villaggio olimpico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *