Cosa dicono i nostri clienti

Eataly il prodigio tutto Italiano

retail-intelligence-eataly

Eataly, l’impresa gastronomica 100% made in Italy fondata da Oscar Farinetti, ha compiuto dieci anni il 27 gennaio. La celebrazione ha avuto luogo presso la prima sede di Eataly Lingotto a Torino, nella ex-fabbrica Carpano.

Eataly nasce dall’idea di Farinetti di creare uno spazio dedicato interamente al commercio enogastronomico made in Italy. Lungi dall’essere un semplice super mercato, Eataly é un concetto retail totalmente nuovo nel mercato food. Infatti, oltre a fornire una strabiliante scelta quotidiana di prodotti provenienti unicamente dal Bel Paese, si arricchisce di momenti e spazi dedicati all’intrattenimento ed all’educazione.

In Italia sono presenti 22 Eataly e 15 all’estero per un totale di 37 stabilimenti. Annualmente i visitatori ammontano 25 milioni, 23 000 dei qualli mangiano quotidianamente in uno dei 157 ristoranti presenti nell’ambiente Eataly.

Fin dal principio la missione di Farinetti fu creare nuovi posti di lavoro, aprendo punti vendita traendo vantaggio da immobili dimenticati ed inutilizzati, restaurati per celebrare la biodiversitá ed offrire quotidianamente la qualitá Italiana. In dieci anni sono state assunte 5.500 persone e 8.846 prodotti sono stati esportati per la prima volta.

Parlando del futuro, Eataly si prepara all’atterraggio in Borsa, che potrebbe avvenire nel 2018, e si ha prefisatto chiari obbiettivi di espansione. In primis, raggiungere la zona Far East del mondo tramite Cina ed India. A lungo termine la strategia é quella di aprire in tutte le 194 nazioni del mondo. Tra il 2017 e il 2018 sono giá state programmati nuovi Eataly a Mosca, Los Angeles, Toronto, Parigi e Londra. In Italia, ha appena aperto un punto vendita a Trieste, nel 2018 é prevista la ristrutturazione della seda di Verona e nell’autunno del 2017 é prevista l’inaugurazione di un progetto molto interessante, interamente incentrato sullo slow food che intitola FICO Eataly World.

La Fabbrica Italiana Contadina (acronimo FICO) è un parco agroalimentare che racchiuderá in uno spazio unico il persorso delle cibarie e bevande dal campo alla tavola e punta a celebrare la biodiversitá del cibo italiano. Sorgerá nel vecchio mercato ortofrutticolo di Bologna e sará composto da 40 sedi di grandi aziende italiane che lavoreranno alla quotidiana produzione dei principali prodotti enogastronomici italiani. Inoltre, gli 80.000 mq saranno arricchiti da un ettaro e mezzo di campi e terreni destinati all’allevamento per la produzione di prodotti derivati dall’agricoltura italiana e provenienti da razze di animali autoctone. Per concludere, verranno ospitati 25 ristoranti tematici e 9.000 mq saranno destinati alla distribuzione, percorsi educativi, aree multimediali. Si prevede un affluenza di visitatori pari a 6 milioni all’anno tra italiani ed esteri.

Il retail concpet ideato da Farinetti per Eataly é l’esempio perfetto che impersonifica le potenzialitá dell’Italia che in termini di culutra agroalimentare ed enogastronomica puó ritenersi il paese piú ricco d’Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *