Ambiente di vendita

Lo smartphone é essenziale nel retail

retail-intelligence-mobile

Lo smartphone è stato il protagonista assoluto al Mobile World Congress 2017. Fu rappresentato come il grande alleato del consumatore durante il processo di acquisto.

Shop.org, Forrester Insights ricerca e Bizrate rivelano che nel 2016, il 60% delle aziende che operano nella vendita al dettaglio hanno orientato la propria strategiaverso la digitalizzazione concentrandosi sul settore della telefonia mobile. In effetti, l’industria si trova sempre piú spesso a dover fronteggiare dei consumatori che sono altamente interconnessi ed utenti degli strumenti omnichannel. Primo della lista c’è il telefonino che viene utilizzato per prendere decisioni immediate durante l’acquisto.

Nel 2017 la tecnologia 5G rappresenterá un punto di svolta nel metodo di networking dei consumatori. La velocità di navigazione aumenterá esponenzialmente e ció renderà più facile il download e l’upload di contenuti, come video in ultra HD ed in 3D. Questa tecnologia sarà anche il punto di svolta nell’uso dello smartphone da parte dei consumatori. Infatti i telefoni sono i principali dispositivi che i consumatori usano per accedere ad Internet. Pertanto, le imprese che mirano a raggiungere in modo più diretto ed efficace i propri clienti devono prendere in considerazione il potere dei dispositivi portatili.

Il mobile è e sarà un fattore determinante nel processo di acquisto. Deloitte sottolinea che la metà delle vendite nei negozi fisici sono influenzati o guidati da interazioni digitali. In questo contesto, i cellulari svolgono un ruolo fondamentale, perché sono lo strumento chiave per webrooming. Per webrooming si intende il fenomeno per il quale i consumatori cercano informazioni sul loro acquisto on-line, ma effettuano la compera nei negozi fisici. All’interno del negozio, questo processo di informazione è incrementato dall’accessibilità ad Internet grazie ai dispositivi mobili che avvale i consumatori con la possibilitá di ricercare in tempo reale i prezzi e la disponibilità dei prodotti.

I cellulari sono anche produttori di Big Data e grazie al Big Data i retailers hanno la possibilità di conoscere il comportamento dei consumatori durante tutto il processo di acquisto. Dal 2016, il Big Data è un strumento sempre piú essenziale per aumentare la digitalizzazione del settore. Le nuove tecnologie basate su geo-localizzazione e riconoscimento WiFi forniscono i players nella vendita al dettaglio con approfondimenti ed analisi sui loro clienti, derivati dall’analisi del Big Data. Di conseguenza, permette di migliorare le strategie ed incrementare la fidelizzazione dei clienti.

Tuttavia, Big Data è ancora un nuovo e misterioso argomento che porta diverse preoccupazioni riguardanti la privacy degli individui e la sicurezza aziendale. Compagnie come TC Group Solutions sono state in grado di concentrare la loro attenzione su questa nuova risorsa e di trarne un vantaggio a fronte della competizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *