Ambiente di vendita

Lo smartphone nel processo d’acquisto

retail-intelligence-mobile2

Oltre il 60% dei consumatori dichiara che si sentirebbe a proprio agio parlando con un chatbot, il nuovo strumento utilizzato per facilitare il proceso d’acquisto online. Eppure,econdo il Mobile Consumer Report, solo il 22% hanno realmente provato ad utilizzare questa nuova funzione.

I chatbots sono arrivati nella realtá della vendita al vettaglio da relativamente poco tempo. La maggior spinta nel mercato gli é stata data da Facebook circa un anno fa quando il social network li ha inseriti nell’applicazione di messaggistica istantanea Messanger. Essendo un novitá non ci si puó aspettare che i consumatori la apprezzino immediatamente, i retailer che stanno impiegando questa nuova tecnologia devono aspettare che il clienti possano creare una propria opinione riguardo l’utilizzo e l’utilitá dei Chatbots. L’ipotesi piú probabile é che il 22% sopra citato, é destinato a crescere costantemente.

Lo studio sull’uso del telefono da parte dei consumatori in cui sono staiti coinvolti, che ha piú di 2000 soggetti, ha dimostrato che circa il 70% dei consumatori si dimostrano piú positivi se un brand gli permette di avere una carta fedeltá digitale accessibile anche via smartphone. In aggiunta, piú di un terzo delle informazioni che vengo raccolte per la gestione del negozio, provengono dai portafogli digitali quali Apple Pay o Android Pay.

Un altro aspetto interessante sui consumatori via mobile é il fatto che in media si sottoscrivono a quattro diversi annunci di brands che inviano le news direttamente sul loro smartphone. Circa il 50% dei consumatori dicono di essere propensi alla sottoscrizioni a retailers, ristoranti o brands.

Al contrario, non sono molto positive le informazioni che giungono rispetto all’uso di applicazioni all’interno del negozio. Infatti, solo il 19% degli utenti che utilizzano una app all’interno del retail dichiara di aver acquistato in un futuro immediato basandosi sulle informazioni fornite tramite smartphone. Sono molti di piú i conumatori che non ritengono rilevanti ed efficaci tali app nel loro processo d’acquisto.

Nonostante ció, i retailers dovrebbero sfruttare l’uso dello smartphone all’interno del loro negozio per identificare la frequenza delle visite di clienti abituali e il loro rapporto di fidelizzazione. Ció é possibile grazie a tecnologie Retail Intelligence che utilizzano un semplice ripetitore wi-fi per identificare quanti clienti sono già entrati nel punto vendita e con che frequenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *