Ambiente di vendita

Il retail fisico deve adattarsi

retail-intelligence-adapt

Nel settore della vendita al dettaglio e specialmente nel segmento moda, sta prendendo piede un trend piú che allarmante: la chiusura dei negozi fisici. Ralph Lauren in Aprile ha annunciato la chiusura del magnifico flagship store Polo posizionato nella Fifth Avenue, é un’icona che crolla inarrestabile. Ma cosa sta succedendo esattamente?

É chiaro che la strategia tradizionale di aprire piú punti vendita possibili in modo tale da avere un volume di vendite maggiore, non funziona piú. Nell’ambiente moderno i retailers non possono aspettarsi che i consumatori vogliano uscire di casa con il solo scopo di girare per negozi. Ormai Internet e l’e-commerce han reso tutto piú veloce e comodo perció spesso e volentieri lo shopping é come se fosse l’effetto indesiderato di una pausa tra lavoro ed impegni personali o una distrazione che ti coglie durante il tragitto a casa dopo una giornata impegnativa.

Oggi i negozi devono cambiare il loro centro d’interesse. Il punto vendita in futuro deve trovare un equilibrio tra assicurare transazioni commerciali e fornire una piattaforma per incontrare il brand come se fosse una persona fisica, scoprire i suoi prodotti e provare una shopping experience unica ed indimenticabile.

Molte start-up nate da poco nel settore della moda stanno attuando una strategia davvero intelligente e maggiormente in linea con i trend di mercato espressi dai consumatori. Infatti, upcoming brands iniziano con la vendita diretta al consumatore solo online. Per poi entrare nel mercato di massa aprendo un negozio fisico perfettamente allineato ai gusti del target.

Inoltre, il punto vendita non rappresenta solo la possibilitá di instaurare un rapporto di fiducia grazie ad un’eccellente esperienza di compera ma potrebbe anche fornire un valido supporto operativo. Infatti, i consumatori online quando insoddisfatti del loro acquistano, preferiscono riportare il prodotto nel negozio invece di dover spedirlo al mittente. In modo simile, compagnie quali GAP e Target usano i propri retail come punti di raccolta per i consumatori che selezionano l’opzione click-and-collect.

Perció chiudere i propri negozi non é la soluzione migliore alla crisi nell’industria del retail che si sta verificando ultimamente. I retailers devono agire ascoltando i bisogni dei propri consumatori ed applicare strategie mirate a soddisfare tali necessitá. In questo modo il successo é garantito al 90% se non al 100%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *