Ambiente di vendita

2026: lo shopping fra 10 anni

1

Tra circa dieci anni, e dopo tanto averne parlato, la tecnologia sarà ovunque, trasformandosi nel pane quotidiano di qualsiasi cliente. Senza dubbio, questi cambiamenti avranno un grosso impatto sul commercio al dettaglio.

Le novità saranno molteplici: intelligenza artificiale, droni, tracciabilità digitale, robots, stampa 3D e realtà aumentata. L’irruzione della tecnologia e l’arrivo di un consumatore sempre connesso provocheranno un enorme cambio nel mondo del commercio fisico, così come lo conosciamo oggigiorno.

La personalizzazione dei prodotti, riceverli immediatamente, farci aiutare da robots nella scelta del colore ed affidarci a macchine per pagare è già una realtà, e non farà altro che aumentare.

L’effetto principale di questa nuova tendenza è un consumatore con maggior poter decisionale, maggiore accesso alle informazioni ed utilizzo di tecnologia come mezzo per comprare.

Finora, infatti, il consumatore sceglieva basandosi sul prezzo, valutando offerte e valorando la convenienza. Nei prossimi anni però, a questa formula, si sommeranno nuovi elementi, come il controllo e l’esperienza.

In questo senso, il consumatore è sempre più partecipe alla catena dei valori, non solo quando personalizza un articolo ma anche attraverso il crowfounding, cioè creando una comunità tramite reti sociali. Nella trasformazione dell’attuale modello di retail, agiranno 8 principali tecnologie, che a loro volta genereranno nuove opportunità di negozio.

La prima di queste nuove tecnologie è l‘IoT (Internet of Things), che sarà parte della normalità fra meno di 5 anni, e che aiuta il commercio a sintetizzare dati ed prendere decisioni; la seconda sono i veicoli autonomi ed i droni, il cui utilizzo potrebbe tardare in quanto ancora non esiste una regolamentazione sull’utilizzo vera e propria.

La terza si basa sull’intelligenza artificiale, sarà utilizzata soprattutto nello smistamento interno di dati ed inizierà ad essere molto comune in cinque anni.

Al quarto posto si trova l’introduzione della robotica, che verrà utilizzata per accelerare le operazioni meccaniche. Al quinto posto c’è la tracciabilità digitale, basata sull’analitica predittiva. La stampa digitale, la sesta di queste nuove tecnologie che il commercio adotterà, tarderà ad istallarsi a causa dei dubbi che esistono sull’accesso e la varietà di materia prima.

La settima corrisponde alla realtà virtuale e alla realtà aumentata, che arriverà in commercio molto presto; e, per ultimo, i nuovi sistemi di blocco di sicurezza che permettono il massimo di transazioni senza problemi.

Chissà quale sarà l’impatto sulla società dopo l’arrivo di questi progressi tecnologici e quanto tarderanno i retailers ad adattarsi.

Sorce: modaes.es

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *