Ambiente di vendita

La tecnologia che sta rivoluzionando il commercio della moda

sarah-dorweiler-357726

Il responsabile dell’innovazione del London College of Fashion, Matthew Drinkwater, è un pioniere dell’introduzione tecnologica nel mondo del retail d’alta moda.

Infatti, grazie a lui, il London College of Fashion utilizza le tecniche della fotogrammetria e della realtà aumentata per restituire al commercio al dettaglio quello sprint di cui aveva bisogno da tempo.

Drinkwater ha pensato bene di adattare una serie di tecniche fotografiche utilizzate per il retail online per sviluppare un sistema di realtà aumentata e virtuale e mostrare nuovi prodotti. Sono tecnologie dedicate al mondo della vendita al dettaglio e pensate per i retailer più innovatori: questi dispositivi infatti, (come ad esempio rilevatori di profondità per individuare il traffico pedonale, riconoscimento facciale, zone calde etc.) stanno cambiando per sempre la maniera in cui i brand vendono ai clienti.

Utilizzando la fotogrammetria e piazzando più di cento fotocamere in intorno ad un oggetto o una persona, Drinkwater è stato in grado di migliorare la forma in cui l’alta moda si mostra online.

La fotogrammetria

La fotogrammetria è il processo di costruzione di modelli 3D a partire da immagini in 2D: Drinkwater utilizza questa tecnica per ricreare oggetti di lusso come fossero modelli in 3D, che poi vengono postati online. Questa scansione può inoltre essere applicata su modelli umani: il risultato saranno ologrammi di persone che potranno essere mostrate in ambienti reali grazie alla realtà aumentata.

Mentra lavorava con una start up di Londra chiamata HoleMe, Drinkwater era solito utilizzare una videocamera da 4K per riprendere una modella su una passerella, e poi ricostruire l’immagine digitalmente: “La tecnologia di visualizzazione del computer consente di trasformare una semplice immagine in un ologramma di dimensioni reali facilmente visibile su ogni smartphone-dice.

Futuro multicanale

Naturalmente, c’è un costo per sviluppare queste tecnologie e, le marche di lusso tarderanno probabilmente ancora qualche tempo prima di iniziare a utilizzarle.

“Abbiamo notato nei primi test che i consumatori stanno facendo clic su questi tipi di immagini. Ogni singolo cliente cammina con uno smartphone in tasca ed è pronto ad esplorare nuove forme di pagamento per avere nuove esperienze attraverso quei dispositivi”.

http://www.wired.co.uk/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *