Ambiente di vendita

Il 2017 nel retail: la tecnologia che cambia il nostro modo di comprare

michal-parzuchowski-397726

L’irruzione delle nuove tecnologie nel settore del retail non solo ha trasformato il visual merchandising degli esercizi commerciali, ma, anche e soprattutto, gli stessi negozi, che sono cambiati nel formato e nella sostanza.

Si pensava che l’esplosione dell’e-commerce rivoluzionasse ogni cosa, ma ha finito per rimetterle lentamente nel loro posto. La tanto annunciata apocalisse del retail è solo un ricordo: i negozi continueranno ad esistere, ma avranno diversi formati e funzionalità. In questa nuova era della vendita al dettaglio, le aziende hanno smesso di pensare a strategie di espansione per concentrare la loro attenzione negli esercizi già aperti, per sostenere ed aumentare la loro redditività. La tecnologia viene finalmente vista come uno strumento fondamentale per ottenere reali risultati dal punto vendita e rafforzare il legame del consumatore con la marca.

Finalmente, l’universo offline e quello online iniziano a coesistere, dopo aver capito che l’uno alimenta l’altro. L’offline continuerà ad offrire affari impossibili da ottenere online, mentre internet continuerà ad essere aperto 24 ore al giorno, sette giorni a settimana.

Il negozio diventerà, da un lato, uno showroom con cui intensificare l’esperienza del cliente, ma anche, e soprattutto, un centro di distribuzione per raccogliere tutti gli ordini effettuati online.

La vendita al dettaglio regolerà le sue strategie di distribuzione in base al tipo di prodotto, concentrandosi sulla vendita online di materie prime e dedicando la modalità offline agli articoli che hanno bisogno di consulenza per essere venduti.

Le aziende nate nel mondo digitale continueranno a prendersi il loro tempo per fare il salto offline, mentre una catena con 10.000 negozi fisici avrà qualche difficoltà a offrire il suo prodotto online.

Le scelte sono diverse:

  • la trasformazione dei negozi in hubs di distribuzione anche degli ordini online
  • la conversione dei punti vendita urbani in flagship store
  • la riduzione della presenza nelle aree rurali, dove il commercio online è più forte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *