Ambiente di vendita

La trasformazione digitale in 5 semplici passi

candice-seplow-153995-unsplashL’argomento più discusso nel mondo del retail oggi è la trasformazione digitale, ma perché?

Le aziende lavorano in un ciclo costante: creazione, monetizzazione e difesa del valore. Mentre il ciclo continua a ripetersi, la società, però, cambia nel tempo. Ad esempio, oggi, Netflix utilizza i Big Data per determinare, con un elevato grado di accuratezza, il genere di film preferito, a che ora è più facile che venga guardato e perfino il grado di attenzione che il pubblico presta allo stesso.

La trasformazione digitale è il fulcro di questo cambio e rappresenta anche la risposta a molti quesiti, come ad esempio:

  • Come possono le aziende differenziarsi nel mercato?
  • Come possiamo aumentare la redditività e trovare nuove strategie di crescita?
  • Come possiamo espandere l’azienda in nuovi mercati?
  • Come possiamo raggiungere la generazione dei millennial?
  1. Decidi cosa significa “digitale” per la tua azienda

La parola “digitale” può avere significati diversi dipendendo dall’azienda: la trasformazione digitale è il mezzo per risolvere un problema ed ogni società, in base a milioni di fattori diversi, ha problemi unici. Pertanto, è fondamentale diagnosticare le sfide che l’azienda deve affrontare, e determinare quali sono le soluzioni digitali adatte raggiungere i suoi obiettivi.

  1. Specifica il “come”

Una volta identificate le principali sfide dell’azienda, bisogna valutare le possibili alternative. Queste potrebbero variare dalla trasformazione front-end (come i prodotti e le esperienze dei clienti) alla trasformazione back-end (come il cloud e l’infrastruttura IT). Esistono determinate strategie considerate dalle aziende che cercano la trasformazione digitale in front-end e back-end:

  • Ri-design di prodotti ed esperienze per l’aggiunta di un elemento digitale: oggigiorno, il 66% dei retailers sta valutando l’Internet of Things (IoT) o ha in programma di sviluppare tali soluzioni.
  • Costruire ecosistemi digitali: le aziende non operano più in silos e si affidano a ecosistemi più grandi per supportare la trasformazione digitale.
  • Monetizzazione dei dati da questo ecosistema IoT: le aziende utilizzano i dati dalle proprie soluzioni IoT in diversi modi, come per lo sviluppo di nuove funzionalità o soluzioni per vendere più velocemente sul mercato.
  • Trasformare operazioni e fabbriche: l’81% delle aziende intende trasformare le proprie fabbriche per sfruttare al meglio innovazioni all’avanguardia, tra cui automazione avanzata, stampa 3D, deep learning e cose simili.
  • Creazione di una solida infrastruttura IT

È importante capire sempre che le soluzioni digitali di cui sopra sono un mezzo, ma che non bisogna perdere di vista il fine (che sta portando valore ai tuoi clienti e i tuoi azionisti).

  1. Trova un partner che ti accompagni

La sfida più grande che le aziende si trovano ad affrontare con la trasformazione digitale è superare la critica da parte dei soci. Infatti, anche i partner commerciali hanno un ruolo e capacità decisionale in un processo aziendale come questo. Soprattutto, devono appoggiare l’azienda grazie a:

  • Fornendo le capacità per favorire la trasformazione
  • Offrendo servizi di consulenza utili all’integrazione digitale
  • Aiutando navigare nel panorama dell’innovazione digitale
  • Condividendo approcci e buone pratiche di successo
  1. Prepara il tuo staff per la trasformazione

La comunicazione chiara degli obiettivi ed i valori dell‘azienda è importante quanto la strategia. Se il valore della trasformazione digitale non viene comunicato bene ai dipendenti, la società potrebbe non ottenere un buon feedback dai suoi dipendenti. Bisogna fornire trasparenza, una struttura, un piano chiaro ed una formazione adeguata per prepararli alla trasformazione digitale.

  1. Inizia con la trasformazione!

Il tasso delle aziende che invertiranno in digitale aumenterà esponenzialmente, con notevoli investimenti attorno a importanti sforzi, c’è un’enorme necessità di farlo con velocità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *