Ambiente di vendita

La tecnologia in-store salverà il commercio al dettaglio?

rawpixel-com-570904-unsplash

L’introduzione massiccia della tecnologia nel mondo del commercio al dettaglio salverà i negozi fisici? Forse. In ogni caso, è molto probabile che i retailer rimangano indietro (o peggio) se non scommettono su una di queste nuove tecnologie:

  • Modelli ibridi: Dotarsi di molta tecnologia in-store potrebbe non essere così importante, se poi alla fine non si è in grado di entrare con successo nel mondo del retail online– dopo aver stabilito le radici tradizionali della vendita al dettaglio-. In altre parole, lanciare un negozio online e un’app (e offrire la spedizione gratuita), potrebbe essere sufficiente per competere con i giganti della vendita online sul mercato. Dopotutto, Amazon sta già aprendo punti vendita “ibridi”, cioè una fusione fra online e offline.
  • Prodotti unici: se un brand può offrire prodotti irresistibili e introvabili, è in grado di reggersi da solo senza l’aiuto di nessuno. Target, ad esempio, molto noto per la sua sensibilità estetica, sta raddoppiando i propri prodotti di design con marchio esclusivo, pianificando di rinunciare alla vendita nei suoi store di oltre una dozzina di nuovi brand entro la fine del 2018. I clienti continuano a preferire la qualità rispetto alla praticità, ed è probabile che siano più disponibili a visitare il negozio per comprare un oggetto completamente unico, rispetto a qualcosa che possono acquistare in qualsiasi negozio online.
  • Il fattore umano: per ultimo, è importante considerare la funzione fondamentale della figura umana, perché è esattamente ciò che manca al negozio online. I negozi fisici, infatti, possono incrementare il fattore personalità e branding formando meglio i membri dello staff, per coinvolgere i clienti del punto vendita e offrire migliori e memorabili esperienze che aumentano l’acquisizione e la fidelizzazione dei clienti.

I negozi al dettaglio che si rifiutano di cambiare non dureranno molto a lungo in questo mercato saturo di tecnologia. Bisogna avere il coraggio di rischiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *