Ambiente di vendita

E tu, che lavoro fai? Professioni che non esistevano fino a 10 anni fa

44

Nel 2006, Facebook era agli albori, Twitter era in fase di lancio e nessuno aveva un iPhone. Dodici anni dopo, il mondo è un posto molto diverso, così come il posto di lavoro.

Infatti, molti dei lavori che svolgiamo oggigiorno, (soprattutto quelli legati al digitale o alle nuove tecnologie), qualche anno fa non esistevano neanche. E non finisce qui: si pensa che circa il 65% dei bambini di oggi svolgerà, in futuro, un lavoro che ancora non esiste. Queste nuove professioni stanno spuntando come funghi alla velocità della luce, grazie ai progressi nei settori dell’AI, della tecnologia, del trasporto e delle aziende.

Ecco alcuni degli impieghi delle nuove generazioni:

  1. App Developer

L’avvento degli smartphone è stato veloce e massivo: oggigiorno chiunque ne possiede uno. E, dal 2007, sono circa 1,7 milioni le App sviluppate per Android o Apple.. una cifra in continua crescita.

  1. Social Media Manager

Fino a qualche anno fa non esisteva la necessità di un moderatore per Reti Sociali, poiché queste realtà non esistevano! Oggi Facebook ha più di 1,5 miliardi di utenti nel mondo, e, insieme a piattaforme come Twitter e Instagram, è diventato uno strumento di marketing indispensabile con cui i brand possono (e devono) interagire con i consumatori.

  1. Cloud Computing Specialist

Qualche anno fa, se qualcuno ci avesse detto di lavorare su una “nuovola”, probabilmente ci saremo chiesti di cosa stesse parlando. Il termine apparentemente è emerso da una conferenza del 2006 in cui Eric Schmidt descriveva l’approccio di Google al software come “cloud computing“. Oggi oltre la metà delle aziende lo utilizza, e la gestione del cloud, l’ingegneria e la strategia sono diventate occupazioni reali.

  1. Big Data Analyst/ Data Scientist

Con volumi di dati in crescita di un 40% all’anno, non c’è da meravigliarsi che le figure in grado di analizzare ed elaborare tutte queste informazioni siano molto richieste.

https://www.weforum.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *