Ambiente di vendita

Stare al passo con i clienti

edu-lauton-71055-unsplashNel 1966 il Time Magazine, in una delle sue edizioni, predisse che “lo shopping a distanza non ha futuro”. A distanza di più di cinquant’anni, è evidente che il loro pensiero non poteva essere più lontano dalla realtà dei fatti. Quest’anno nel Regno Unito, le vendite online hanno raggiunto 67 miliardi di sterline, di cui 27 miliardi provengono da dispositivi mobili. Dunque, nonostante i negozi fisici continuino ad avere un grosso potenziale attrattivo, i consumatori sembrano preferire indubbiamente lo shopping digitale.

Le esperienze d’acquisto dei consumatori si distribuiscono in equa misura sia online che offline, lasciando dietro di loro milioni di utili dati che possono essere utilizzati per mappare accuratamente i loro desideri in continuo cambiamento. Quindi, come può questa intuizione aiutare i rivenditori a capire meglio le esigenze dei consumatori? E quali sono i dati da prendere in considerazione per aumentare le vendite in negozio?

Unificare i dati è importante

L’analisi del comportamento dei consumatori non è un concetto nuovo per i retailer. Tuttavia, essere in possesso di una grande quantità di dati, ma non sapere come e con cosa confrontarli per studiare nuove forme di business è molto limitante. Possedere una piattaforma in grado di unificare i dati raccolti ed integrarli nonostante provengano da diverse fonti consente ai retailer di raccogliere importanti informazioni non solo sui propri clienti, ma anche sui clienti dei concorrenti.

Prendi l’esempio di Nike: il rivenditore sportivo sta affrontando una crescente concorrenza da parte di Adidas negli Stati Uniti, a causa della sneaker Superstar, la scarpa sportiva più venduta al mondo negli ultimi dieci anni. Mark Palmer, CEO di Nike, afferma che il brand sta cercando di connettersi meglio con i consumatori e differenziare la propria esperienza di vendita al dettaglio dalla concorrenza. Una buona strategia di raccolta dati unificata potrebbe fornire a Nike le informazioni necessarie per raggiungere i suoi obiettivi.

Secondo il CEO, negli Stati Uniti, Adidas sta attualmente vivendo un numero significativamente più alto di visite nei giorni feriali rispetto a Nike. Per ovviare a questa situazione, Nike potrebbe, ad esempio, trarre vantaggio da una strategia che incoraggi i consumatori a visitare il negozio, offrendo offerte e sconti mirati nei giorni in questione. Questa strategia può essere ulteriormente implementata utilizzando i dati unificati per capire cosa interessa ai consumatori, come si comportano durante il loro percorso d’acquisto e quali sono i loro dati demografici.

TC Analytics

TC Group Solutions aiuta i suoi clienti a migliorare le performance dei loro business ormai da più di 10 anni, e lo fa anche attraverso una piattaforma in grado di gestire ed analizzare contemporaneamente i dati di ogni soluzione tecnologica (interna o esterna) volta a migliorare l’efficienza degli stabilimenti commerciali. Inoltre, questa soluzione è integrata e perfettamente compatibile con qualsiasi altro sistema operativo, personalizzabile a misura del cliente e delle sue esigenze e indipendente dagli altri dispositivi o CRM.

TC Analytics è un pannello di controllo integrale per i professionisti del RETAIL,con gestione backup su Cloud e una scalabilità pressoché illimitata, che permette analizzare tutti i criteri sul comportamento del cliente ottenuti dai diversi moduli hardware istallati nei punti vendita, e di compararli con le variabili interne di ogni negozio (stock, spazio, prezzi, offerte speciali, staff e vendite).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *