Ambiente di vendita

Quali sono i KPI più importanti per la tua attività?

timothy-muza-572-unsplash

Misurare il fatturato del tuo punto vendita è fondamentale per avere una visione chiara di come stanno andando gli affari. Molto spesso però, l’errore di molti retailer sta nel considerare solo ed esclusivamente queste metriche finanziere come indicatori di performance. Questi dati, come ad esempio il totale delle vendite o il numero degli scontrini emessi (senza dubbio fondamentali), ci indicano solo una parte della storia, quella collegata con il fatturato. Non ci forniscono però suggerimenti per migliorare, ad esempio, l‘esperienza d’acquisto dei nostri clienti, come aumentare le vendite di un determinato prodotto o se la nostra campagna di promozione ha funzionato.

Se, ad esempio, notiamo un aumento improvviso nel fatturato…a cosa sarà dovuto? Sarà stato merito dello staff? Saranno state le vetrine? Sarà piaciuto il mio prodotto?

Per rispondere a queste domande, è necessario analizzare una varietà di KPI, o Key Performance Indicator, per avere un’idea dei risultati del negozio a 360°.

Come misurare l’efficienza commerciale?

Il traffico esterno equivale al numero di pedoni che passano davanti al nostro punto vendita, e quindi potenziali clienti. In un negozio fisico, maggiore è il numero dei passanti, più alta sarà la probabilità di attrarre potenziali clienti dentro il negozio. Ergo, il volume del traffico esteriore gioca un ruolo centrale quando si tratta di trovare una buona ubicazione per aprire un punto vendita.

Il numero di ingressi equivale al numero di persone che entrano in negozio. Questo KPI ci consente di identificare quante persone sono entrate nel corso della giornata, che, segmentate per ore, ci permettono di conoscere con precisione i momenti con il maggiore afflusso nel punto vendita.

L’affluenza media equivale al numero medio di persone che si trovano nel punto vendita in un determinato momento. È la differenza tra il numero di ingressi e il numero di uscite, e consente di sapere quale è il giorno della settimana e l’ora del giorno con maggiore presenza di persone nel negozio. È un KPI molto utile per gestire il quadro degli orari del personale e rilevare problemi di saturazione, che possono influire negativamente sull’esperienza del cliente.

La durata media di permanenza ci consente di misurare quanto tempo i nostri potenziali clienti trascorrono all’interno dello stabilimento fisico. Conoscere questi dati consente al rivenditore di rilevare i problemi all’interno del negozio: percorso preferenziale del consumatore, mancanza di personale etc. L’analisi congiunta di questi quattro KPI consente di trarre conclusioni sul comportamento del cliente in negozio, rilevare problemi e prendere decisioni per adattarsi alle esigenze di ogni punto vendita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *