Ambiente di vendita

Partire dalle basi: i KPI di un negozio fisico

rawpixel-com-570904-unsplash

Conoscere le metriche più importanti di un punto vendita è di fondamentale importanza per un retailer: poter quantificare i reali benefici apportati da, ad esempio, una campagna di marketing o una nuova strategia in atto è l’unico modo per rendersi conto della reale situazione del tuo business, e per poter prendere decisioni appropriate per migliorarlo.

Per farlo, l’unica soluzione è misurare: non si tratta, però, solo di conoscere l’incasso di fine giornata, ma di trovare nuovi modi per migliorare l’efficienza commerciale.

Quali sono dunque le metriche giuste per calcolare la produttività di un negozio? Quali sono i KPI da considerare?

Il traffico pedonale rappresenta il numero di persone che transitano, anno dopo anno, mese dopo mese, giorno dopo giorno su un tratto di strada. È fondamentale per poter fare una stima del volume dei potenziali clienti di uno stabilimento commerciale, e prendere decisioni più accurate in termini di offerta commerciale, organizzazione dello staff di negozio etc..

Quante persone passeggiano sul marciapiede davanti al tuo negozio? Quante di esse finiscono per entrare? Misurare l’evoluzione e la distribuzione dell’affluenza dei consumatori durante la giornata è fondamentale: questi dati ci aiutano a capire se abbiamo bisogno di adottare nuove strategie di marketing per dare impulso alle vendite.

Per farlo, è indispensabile possedere un dispositivo conta-persone in negozio.

TC Group Solutions offre le migliori soluzioni sul mercato per il conteggio di persone: si tratta di strumenti diversi, in grado di raccogliere molteplici informazioni sul flusso e sul comportamento dei clienti. Una delle soluzioni consiste in un lettore di traffico pedonale, istallato sulla facciata del punto vendita e capace di raccogliere informazioni sul numero di persone che passano davanti la vetrina, 24 ore al giorno e per fasce orarie.

Queste informazioni vengono poi incrociate fra loro grazie al software TC Analytics, per ottenere i coefficienti di attrazione e di conversione, e, di conseguenza, utilizzare questi dati per migliorare la produttività del negozio.

Quante delle persone che passano davanti al tuo negozio, finiscono per entrare? E quanti di loro portano a termine un acquisto, trasformandosi in clienti reali? Misurare la performance commerciale è fondamentale: ci consente di valutare l’efficacia delle nostre strategie di vendita, la disponibilità dei prodotti in stock, il livello di attrazione delle nostre vetrine, l’effettiva produttività dello staff, l’allestimento del negozio etc.

Solamente grazie ai due strumenti sopra citati sarà possibile calcolare quanti clienti potenziali entrano nel punto vendita in qualsiasi momento la percentuale di clienti potenziali che si trasforma in reali, il Costo dei Potenziali Clienti (CPC) e molto altro.

Stimare il volume dei potenziali clienti è la chiave per il corretto funzionamento di un punto vendita: infatti, differenze significative nel numero di pedoni ha implicazioni dirette sulla redditività dello stesso immobile commerciale.

Il Costo per Potenziale Cliente (CPC) incrocia la media del traffico pedonale di una strada con la media degli affitti dei locali commerciali della stessa, offrendo come risultato un valore in euro per ogni potenziale cliente che passa davanti la vetrina di un negozio situato su quella strada.

Conoscere la media del traffico pedonale rende possibile fare una stima del volume dei potenziali clienti, indicatore fondamentale per rendere redditizi gli elevati affitti che un retailer paga per il suo negozio. Inoltre, una stima del possibile volume dei potenziali clienti di una strada o di un negozio può aiutare un business a fare appropriate scelte espansionistiche e perfino negoziare i prezzi degli affitti degli stabilimenti commerciali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *