Ambiente di vendita

Retail e Omnicanalità

louis-hansel-shotsoflouis-TuboGKX-imc-unsplash

Qualunque sia il settore, oggigiorno è fondamentale offrire ai nostri consumatori una continuità fra il mondo offline e online. Infatti, viviamo in un mondo sempre più orientato al digitale, che costringe i retailer a fare i conti con una nuova realtà: quella in cui i negozi tradizionali vengono sostituiti da modelli di integrazione omnicanale.

I mezzi di comunicazione digitali costituiscono per il punto vendita fisico una eccezionale opportunità di sviluppo, per raggiungere nuovi clienti e coccolare quelli consolidati. Infatti, l’obiettivo principale di una strategia che mette in relazione tutti i propri canali di vendita è quello di soddisfare le aspettative dei clienti, attraverso un’esperienza che tenga in conto di ogni fase del percorso di acquisto.

La strategia omnichannel cerca di rispondere a un bisogno fondamentale del consumatore, quello di creare una connessione diretta fra due canali. Studi e ricerche dimostrano che è importante curare le informazioni da quattro diversi punti di vista, che aiutano a stimolare interesse e creano fluidità tra i diversi touchpoint:

  1. Accessibilità: essere rintracciabili

Riuscire a far alzare le persone dal loro comodo divano è una sfida difficilissima per ogni retailer. Se poi, una volta in piedi, i nostri consumatori non riescono a trovare lo store locator con soli due click, allora possiamo anche dire addio al loro interesse.

Oggi le mappe online sono il principale strumento utilizzato dalle persone per stabilire percorsi e per ricercare negozi, attività, attrazioni. Non essere trovabili significa interrompere il customer journey sul più bello, e deludere il consumatore nel momento in cui ci stava cercando e voleva trovarci.

Con che facilità posso individuare il brand attraverso una ricerca online? Quanto sono precise e complete le indicazioni fornite su Google Maps per arrivare in negozio? Esiste la possibilità di geolocalizzarsi per individuare il punto vendita più vicino?

È importante ricordare che l’esperienza d’acquisto dei clienti del nostro store inizia, il 99% delle volte, con una ricerca online

  1. Disponibilità: sempre sul pezzo con lo stock

Non devono esserci incongruenze fra le informazioni che forniamo online e quelle raggiungibili offline: il viaggio del cliente non deve avere frizioni. Il settore retail è quindi sempre più chiamato alla sfida dell’innovazione digitale, che vede come prima e più importante necessità quella di integrare le vendite online e offline.

Come semplifico ed incoraggio le vendite sui miei canali? Quali e quante informazioni sono in grado di fornire al mio consumatore finale? Sono in grado di comunicare ed essere coerente sulle reali disponibilità di un prodotto ed le possibilità applicabili sulle spedizioni? I prezzi sono coerenti nello store e sulla web?

  1. Fluidità: seamless journey

La catena della fedeltà del cliente, che parte dal prodotto o servizio offerto e, passando attraverso awareness, immagine, distribuzione, prova, performance, ripetizione, valore e fiducia arriva alla conquista della fedeltà, è il risultato di un percorso il cui ultimo miglio non rappresenta certo un dovere, bensì una sorta di dono che il cliente fa al prodotto/al brand.

La mia strategia di fidelizzazione offre un’esperienza completa? I miei programmi fedeltà includono promozioni cross-channel?

  1. Retail Intelligence: la tecnologia che fa l’omnichannel

La tecnología può essere di grande aiuto per raggiungere una perfetta esperienza omnicanale: grazie ai CRM si raccolgono dati e informazioni, utili per creare campagne o newsletter personalizzate.

  1. Flessibilità

Offrire servizi aggiuntivi e flessibilità a livello di pagamenti, come ad esempio il “click and collect“, la possibilità di devoluzioni senza ticket o consegna gratuita a domicilio, sono ottime strategie di fidelizzazione applicabili al momento del cash-out. Senza dubbio, sono tra le strategie preferite dai consumatori e garantiscono la sua fidelizzazione.