Ambiente di vendita

A cosa serve contare i clienti?

Gestire uno o più negozi è un compito duro. Sono imprescindibili precisione, fiuto per i gusti delle persone, ordine ed organizzazione. Spesso però, gli sforzi umani e la professionalità dei lavoratori non sono sufficienti e vi è bisogno di software in grado di potere fornire statistiche corrette e confrontabili.

Prendere decisioni e valutazioni basandosi sulle sensazioni e non sulle certezze è un errore che bisogna assolutamente evitare.

Quesiti comuni di chi gestisce uno o più negozi:

  • Quante persone sono entrate il giorno X in questo determinato punto vendita?
  • Qual è il giorno della settimana in cui entrano più persone?
  • Quanta gente è entrata il mese scorso?
  • La campagna pubblicitaria ha aumentato il flusso di persone?
  • Conviene aprire alle 8 o alle 9 di mattina?
  • Quanti dipendenti devono lavorare alle ore 12 in punto?

Le statistiche ricavate con il conta persone possono rispondere a molti dubbi, tra i quali:

  • Quanto sta funzionando l’esposizione dei prodotti in vetrina?
  • Quale è la conversione visitatori / fatturato?
  • Le campagne pubblicitarie sono state efficaci?
  • L’affitto è commisurato al flusso del pubblico?

Come ottimizzare la gestione dei negozi con i conta persone

Analizzare i flussi delle persone permette, a chi lavora nei punti vendita di ottimizzare la gestione della propria attività a livello marketing, pubblicitario, promozionale, commerciale, di utilizzo delle risorse, sicurezza, manutenzione o programmazione dei turni del personale.

In questo modo è possibile migliorare la qualità del servizio fornito al cliente.

Stiamo vivendo una crisi dei consumi, la concorrenza è sempre più agguerrita. Affidarci a dati precisi e non al caso è vitale.

Il conta persone è un sofware che serve per capire se il trend delle vendite negativo è dovuto alla diminuzione degli ingressi e permette di studiare strategie promozionali per aumentare la pedonabilità del punto vendita.

L’importanza dei numeri nelle aziende, cos’è il conversion rate?

Si tratta del rapporto tra clienti entrati ed i clienti che sono stati effettivamente serviti edè un fattore chiave per definire il customer journey.

Senza dubbio è un indicatore fondamentale per scegliere le strategie convenienti per il punto vendita, se vuoi approfondire questo argomento, ti consigliamo di leggere il nostro articolo su i KPI di un negozio fisico.

Un calo di conversion rate può essere indice di una carenza di personale in negozio in determinati giorni o orari. Oppure può essere il sintomo di una customer experience poco soddisfacente, derivante dalla disposizione e dalla disponibilità della merce in negozio, o da una scarsa preparazione del personale nel trattare con il cliente e concludere una vendita.

L’analisi del solo fatturato – senza considerare il dato di affluenza dei clienti nel negozio – non permette di analizzare le effettive performance del negozio.

I dati di cassa sono sicuramente un KPI importante, ma da soli non offrono nessuna informazione su come sia stato generato il risultato.

Perché rivolgersi a professionisti?

La nostra missione è lavorare ininterrottamente con i nostri clienti, sviluppando per loro accurate e affidabili soluzioni per massimizzare il potenziale e incrementare i profitti dei loro punti vendita.

Vuoi saperne di più? Contattaci, i nostri consulenti risponderanno a tutti i tuoi dubbi e potranno darti supporto per lo sviluppo del tuo business.