Ambiente di vendita

Shopping 3.0: gli Smart Data nel negozio del futuro

samuel-zeller-358865

La tecnologia che completa

I negozi fisici o tradizionali, come li conosciamo finora, sono al sicuro per il momento. Secondo il rapporto “The Store of the Future” di Goldman Sachs, l’85% delle vendite mondiali nel settore del retail è ancora realizzato in questo tipo di strutture. Tuttavia, è una tendenza in declino, infatti, si prevede che nei prossimi cinque anni tale cifra sarà ridotta al 70%.

In ogni caso, le piattaforme di e-commerce non sono le uniche ad includere innovazioni tecnologiche nelle loro strategie. Oggigiorno, i negozi fisici concentrano la loro attenzione sulla registrazione dei movimenti dei consumatori all’interno dei punti vendita. Per fare ciò, devono raccogliere una grande quantità di dati e informazioni tramite la istallazione di dispositivi come beacon, sensori contapersone, mobili intelligenti, riconoscimento facciale e altre soluzioni di intelligenza artificiale.

È un settore che sta esplorando le possibilità che la tecnologia offre per rispondere alle esigenze dei clienti esigenti del mondo digitale. Ciò è dovuto all’avanzata inarrestabile delle tendenze tecnologiche, dal momento che l’85% delle interazioni con i clienti sarà realizzato attraverso sistemi di intelligenza artificiale.

L’esperienza conta

Pertanto, la vendita al dettaglio è diretta ai negozi 3.0, cioè ai punti vendita supportati dai Big Data. Questo tipo di strutture sarà in grado di monitorare lo stato d’animo dei clienti, il loro viaggio all’interno del negozio, la ricorrenza delle loro visite e altri dati personali come età e sesso.

Inoltre, queste strutture avranno scaffali intelligenti che offriranno informazioni in tempo reale, faciliteranno l’inventario dei prodotti e favoriranno un rifornimento più flessibile. Questa tecnologia permetterà di conoscere gli spazi più redditizi del negozio (zone calde), grazie alla raccolta di dati sia all’interno che all’esterno dello stabilimento.

Allo stesso modo, sarà possibile raccogliere informazioni su ordini e pagamenti, poiché le caselle mostreranno i dati riguardanti il costo per cliente, i mezzi di pagamento e gli articoli più acquistati. Altri strumenti, come gli strumenti RFID, consentiranno la creazione di un inventario intelligente che facilita la posizione del prodotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *